Metodo Feldenkrais®

Movimenti per l'occhio e la vista

Struttura dell'occhio

L'occhio è un complesso organo di senso situato nella cavità orbitaria. Nel suo interno, protetti da un involucro, si trovano: uno strato di recettori, una lente, un sistema di neuroni capaci di condurre impulsi dalla retina alla corteccia visiva generando sensazioni visive.

Una finestra sul mondo che raccoglie le immagini e ci mette in contatto con la realtà. La tonaca più interna dell'occhio è formata da uno strato sottile di tessuto nervoso che contiene recettori specifici della luce, capaci di trasmettere lo stimolo, trasformato in corrente nervosa, al cervello tramite il nervo ottico.

(http://it.wikibooks.org/wiki/File:Eye_in_cross-section.svg )

 

1 - sclera;
2 - corpo ciliare;
3 - iris;
4 - pupilla e camera anteriore riempita di umor acqueo;
5 - asse ottico;
6 - linea di vista;
7 - cornea;
8 - lente cristallina;
9 - coroidea;
10 - nervo ottico;
11 - disco ottico;
12 - fovea;
13 - retina;
14 - corpo vitreo.

Movimenti per l'Occhio

Visualizzate il punto nero e focalizzate l'attenzione sulla seguente frase: "Sono bella/o"

occhio e vista

 

• Rendetevi conto del colore nero del punto;
• Lasciate che gli occhi siano liberi di esplorare il segno e la superficie circostante;
• Poi abbassate le palpebre e visualizzatelo mentalmente. Se riuscirete ad immaginare il punto completamente nero, gli occhi si coordineranno senza sforzo;
• Sollevate le palpebre e ritornate ad osservare il punto: ora è diventato più nitido;
• Più intenso sarà il nero che riuscirete a memorizzare, più acuta diventerà la vostra capacità visiva.

Potete estendere questo principio di visualizzazione del punto nero agli oggetti che vi circondano nella vita quotidiana, senza dimenticare che gli occhi vedono più chiaramente le cose piacevoli e familiari.

E' la mente che attribuisce l'importanza e i significati alle cose che vediamo. La retina registra le immagini mentre il cervello le interpreta. Per aumentare la capacità di accomodazione potete immaginare di allontanare e avvicinare gli oggetti posti davanti a voi con un movimento uniforme e ritmico per alcuni minuti. Quando l'oggetto si avvicina al viso diventa più grande. Quando si allontana diventa più piccolo.

Visualizzate gli esempi seguenti come riferimento per i vostri movimenti

occhio

 


Movimento di Convergenza

movimenti occhio

 

Il fenomeno di convergenza avviene quando si osservano gli oggetti da vicino. Gli occhi si orientano verso l'oggetto osservato, le due immagini vanno a cadere automaticamente in punti equivalenti di ambedue le retine. Gli assi visivi convergono con restrizione delle pupille.

Un bellissimo esempio di convergenza è riportato nel libro di Moshe Feldenkrais "Il caso di Nora". Nora, manager svizzera colpita da ictus, ha imparato a leggere e scrivere attraverso gli insegnamenti che Feldenkrais le ha dato. Durante le fasi di apprendimento in cui trattava la rieducazione degli occhi suggerisce un singolare movimento.

movimenti occhio

 

Prendete una cannuccia, portatela alla bocca, sostenetela nel mezzo, mantenendola diritta e immobile: con le dita scorrete lentamente lungo la cannuccia avvicinandola alle labbra e riallontanandola per ritornare nella parte centrale.

Scorrere con le dita lungo la cannuccia equivale alla messa a fuoco degli oggetti da vicino e da lontano: gli occhi guardano in dentro e convergono per la visione ravvicinata, mentre divergono separandosi per la visione da lontano.

Ripetere per diverse volte finché vedrete la cannuccia biforcarsi in due oltre le dita fino a diventare due immagini ben distinte che deviano una a destra e l'altra a sinistra della cannuccia reale.

Se chiudete l'occhio destro vedrete solo l'immagine della cannuccia sinistra.

Chiudendo l'occhio sinistro vedrete solo l'immagine della cannuccia destra.

Aumenta la capacità di accomodazione

occhio

 

Seduti sulla sedia. Guardate la punta del naso. Fissate più volte la punta del naso per alcuni secondi e ritornate, poi aumentate gradualmente il tempo di fissazione, finché la mente diventa calma e tranquilla. Poi...

Osservate lo spazio fra le sopracciglia per alcuni secondi, lasciate e ripetete il movimento, prima per alcuni secondi e poi per qualche minuto. La fissazione della punta del naso e dello spazio fra le sopracciglia rafforza la vista e il nervo ottico. Rende lo sguardo brillante e favorisce lo stato di calma interiore.

Centro Scientifico del Movimento di Simone Broccoli

Via Castello 11
47030 - STRIGARA di SOGLIANO AL RUBICONE